SOCIALE, ECONOMIA, SOSTENIBILITA’ E LA DIMENSIONE RURALE

Il 4 novembre alle ore 9,30 a Borgo Hermada durante il Bike Tour 2018 promosso dal Movimento Decrescita Felice

L’agricoltura e la ruralità rappresentano un laboratorio economico, sociale e culturale in continuo fermento e dalle notevoli accelerazioni, una cornice in cui letture reazionarie e dinamiche economiche immanenti creano momenti di tensione e di equilibri innovativi.

Troppo spesso, però, le facili letture, le vulgate elettorali e l’aggressività superficiale di alcune testate giornalistiche non saturano ed offuscano le prospettive e le traiettorie di ragionamento, lasciando spazio alle semplificazioni estreme, a quel bianco o nero che è lontano dalla quotidianità e dai percorsi di vita individuali e collettivi.

In questo senso riteniamo fondamentale l’iniziativa promossa dal Movimento Decrescita Felice che con il Bike Tour 2018 stanno pedalando (dal 31 agosto al 9 settembre) da Roma a Napoli, diffondendo al contempo tematiche fondamentali come il viaggiare lento e a basso impatto ambientale, l’eco-turismo, la mobilità alternativa, il viaggio come momento di conoscenza, incontro e scoperta. 

Ed in questo itinerario stanno incontrando imprese  agricole che fanno della sostenibilità e della qualità un proprio elemento essenziale, pensiamo all’azienda vitivinicola Marco Serra di Velletri o a Terre del Sovescio di Itri:  nell’organizzazione di questo aspetto è emerso il ruolo di “tramite e di innovation broker” della cooperativa ELP.

E particolarmente interessante è il dibattito che si realizzerà il 4 settembre alle ore 9,45 in piazza IV Novembre a Borgo Hermada (Terracina),  in cui si parlerà di mobilità sostenibile, integrazione, nuovi paradigmi di socialità ed economia. Il convegno, frutto  del lavoro di coordinamento di  Bruno Baldanzini ed AgroSoluzioni, cui  parteciperanno il direttore del FISLAS Mauro Darcangeli,  alcuni portavoce della comunità di migranti  presenti sul territorio e l’Assessore al Comune di Terracina Pier Paolo Marcuzzi  sarà preceduto da un pedalata da San Felice Cir

ceo alla piazza centrale di Borgo Hermada. Un territorio, quello pontino, che presenta zone d’ombra ma anche importanti realtà e percorsi di innovazione sociale troppo poco raccontati.

Coniugare sociale, economia, nuove possibilità per il turismo, immaginare un territorio più sostenibile, a misura d’uomo ed in grado di rispettare la natura, sono alcune delle sfide che rappresentano la quotidianità del lavoro di progettazione della Cooperativa ELP, volto a condividere una nuova idea di ruralità.

 

great-road-bike-tour-image-or-rental-1

Post comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*